L’addio di una star e la fine di un’era

Quando un qualsiasi grande protagonista dello sport lascia l’attività si conclude un’era. Ogni grande campione caratterizza un periodo storico e ne diventa spesso un simbolo, catalizzando le attenzioni della gente. Così accade anche nell’ippica, così sta accadendo in questi giorni con l’addio di Enable, la fantastica protagonista delle ultime quattro stagioni del galoppo mondiale, la cavalla che ha scatenato la fantasia degli appassionati di tutto il mondo e che comincerà il prossimo anno la carriera di mamma. Quando un grande campione lascia si apre il consueto dibattito: storia o leggenda?
Perché il confronto fra presente e il passato è da sempre il sale delle discussioni sportive e proprio le figure dei più grandi protagonisti ne sono le tappe fondamentali. Enable non ha vinto il terzo Arc ed esce dalle scene con una sconfitta che non ne può comunque scalfire il valore e che, soprattutto, non ha neppure intaccato il grande amore che la splendida cavalla ha saputo suscitare nel cuore degli ippici di tutto il mondo. Lei è stata uno spot fantastico per tutto il galoppo mondiale e il coinvolgimento che ha saputo creare è stato quasi incredibile. Le vittorie contano, ma fino a un certo punto. Perché per diventare una stella non è sufficiente vincere delle corse o battere dei record. Serve qualcosa in più, servono un’immagine e un ruolo ben definiti. Enable li aveva tutti e due, grazie anche alla formidabile spinta mediatica che Frankie Dettori con i suoi atti d’amore verso la cavalla ha saputo moltiplicare giorno dopo giorno.

L’articolo completo lo potete trovare nell’edizione di Trotto&Turf di giovedì 15 ottobre.

Potete scaricare la versione digitale a sole 1,99 o comprare un abbonamento in digitale seguendo le istruzioni qui sotto con l’app per Android, Ios e Huawei.

SCARICA L’APP PER ANDROID CLICCANDO QUI.

SCARICA L’APP PER IOS E IPHONE CLICCANDO QUI.

SCARICA L’APP PER HUAWEI CLICCANDO QUI.

Tags:   ,

Redazione