Il Derby a tavolino

Che storia quella, almeno finora breve, della gloria di Tuscan Gaze. Ve la ricorderete. Il cavallo fu praticamente acquistato per correre il Derby. Arrivò a Capannelle quasi all’ultimo tuffo. Partecipò e vinse la corsa italiana più affascinante. Peccato che in tutto quel trambusto ci sia stata un’iscrizione risultata poi irregolare. Dopo tre mesi i giudici hanno dato ragione ai ricorrenti (in attesa dell’appello) cosicché il Derby è stato appannaggio di King’s Caper, montato da Lanfranco Dettori. Due cose. La prima: le regole dovrebbero essere chiare e applicate subito, senza questi strascichi; la seconda: con quello del 12 luglio Frankie ha vinto il suo terzo Derby, ma questa volta più che in sella, a tavolino.

Tags:   ,

Mandrake