Offerta promozionale limitata: leggi Trotto&Turf gratis! LEGGI

Arc de Triomphe: Ci sarà anche Grand Glory

Share

I trainer italiani, di stanza in Francia o in trasferta, saranno ben rappresentati domenica 2 ottobre a Longchamp, e questo va a loro onore. Anche nell’Arc de Triomphe al tondino si parlerà italiano. La notizia era nell’aria da qualche giorno e ci è stata confermata mercoledì sera da Gianluca Bietolini: “Grand Glory ha lavorato molto bene questa mattina su una pista di sabbia veloce e sarà al via nell’Arc. La prestazione nel Vermeille non la considero minimamente, per me è come se non avesse corso. Lei è una cavalla molto facile da montare quando il ritmo è regolare, diventa difficilissima se le cose non vanno come piace a lei, si incattivisce e non respira bene, le è già successo. Nel Vermeille davanti sono andate troppo piano, Cristian è stato costretto a riprenderla per coprirla e la cavalla si è ritrovata troppo lontano dalla testa. Ho avuto un incontro con il proprietario ed è stata presa la decisione. Lui ha comprato Grand Glory per divertirsi ed è giusto così. Grand Glory il gruppo 1 lo ha già vinto, un piazzamento o anche una vittoria nell’Opera non le porterebbe niente di più. Personalmente sono tranquillissimo, arrivo all’Arc senza pressioni. La Japan Cup, cui è stata invitata, dovrebbe essere l’ultima apparizione in pista”. Maxime Guyon al momento è il partner designato di Grand Glory in un Arc che si annuncia affollatissimo: si potrebbe arrivare a sfiorare la ventina di candidati. L’abbinamento con il Quinté pare quindi scontato.