In questa rubrica abbiamo tante volte magnificato l’Inghilterra e gli inglesi per il loro meraviglioso modo di gestire e amare l’ippica, ma questa volta ce l’hanno fatta proprio grossa…